FANDOM


Mostropoli
Mostropoli
Origine Monsters & Co.
Sovrano sconosciuto
Abitanti Mostri (razze varie)

Umani (ex)

Regno Luce
Introdotto in Kingdom Hearts III
Appare Kingdom Hearts III
Mostropoli è un mondo mostruoso che raccoglie energia dagli altri mondi, tramite porte ad alta tecnologia.

AmbientazioneModifica

Mostropoli è un grosso mondo urbano vissuto solo ed esclusivamente da mostri. La zona principale di questo mondo è l'azienda della Monsters & Co. Essa è un enorme struttura di immagazzinamento d'energia per il mondo, con incluso un enorme deposito di porte che conducono a vari mondi. C'è anche una fabbrica di costruzione ed assemblaggio di macchinari nella struttura.

StoriaModifica

Kingdom Hearts IIIModifica

Nel mondo di Mostropoli, Randall, uno spaventatore, rapì una bambina da un altro mondo tramite le porte della fabbrica: Boo. Essa però viene salvata da Sulley e Mike, che si affezionano alla bambina e scoprono grazie ad essa che le risata offrono più energia rispetto alle urla. In seguito esiliano Randall in un altro mondo e ne distruggono la porta e riportano Boo a casa, mentre la Monster & Co. si organizza sotto la direzione di Sulley per raccogliere risate dei bambini e non più urla.
Nel frattempo, Vanitas con il suo cuore ancora fratturato, arriva a Mostropoli e viene a sapere di Randall. Perciò aggiusta la porta dalla quale fu bandito per permettere al mostro di tornare. Questo spiega riguardo all'energia delle urla, e dunque Vanitas si allea con Randall, permettendogli di controllare i Nesciens, in modo da sfruttare le urla e la tristezza per riparare il proprio cuore.
Tempo dopo Sora, Pippo e Paperino, dopo aver sconfitto lo Squalo del Terrore, atterrarono a Mostropoli e i tre all'inizio si spaventarono a causa dei loro aspetti mostruosi. All'interno della Monsters & Co. Sora e il gruppo vedono due abitanti del posto: Sulley e Mike, assieme ad una bambina: Boo. Inizialmente Sora, Paperino e Pippo pensarono che quella bambina fosse in pericolo ma Mike poi chiarisce l'equivoco e dice che loro per prendere l'energia l'azienda non usava più le urla delle persone ma le loro risate; Sora e il gruppo fanno amicizia con la piccola e Mike si stupì del fatto che non avessero paura. All'improvviso appaiono delle creature diversi dagli Heartless che Sora non aveva mai visto e che Pippo e Paperino ricordavano vagamente.
I cinque insieme affrontarono e sconfissero le creature. Dopo la battaglia, Pippo e Paperino si ricordarono del nome di questa specie, i Nesciens, creature che nascono dalle emozioni negative degli esseri viventi, quindi Sora e i suoi amici decisero di salvare la compagnia del neo capo, Sulley e Mike e di riportare a casa la piccola Boo, ma scoprono con orrore che i Nesciens stavano raccogliendo urla da altri mondi usando le porte, mentre quella di Boo era sparita. Durante il viaggio nella fabbrica affrontarono senza problemi gli Heartless e Nesciens ma il loro cammino venne interrotto da Randall, sorprendendo Sulley e Mike per il suo ritorno dall'esilio e Pippo e Paperino presumono che ci sia lo zampino dell'Organizzazione XIII. Randall, desideroso di vendetta contro coloro che gli hanno rovinato tutta la sua carriera, spiega che voleva usare l'energia delle emozioni negative delle persone per ottenere un'energia ancora più potente, spezzando i cuori dei bambini, poi sparisce usando le sue capacità mimetiche.
Sora e il gruppo superarono le varie trappole manomesse da Randall, e quando lo ritrovano, esso afferma di volerli eliminare con un macchinario, il quale però non funziona, ed il mostro scappa furibondo e non appena Sora e gli altri se ne vanno, Vanitas usa i suoi poteri per trasformare il marchingegno in un Nescens: Grumo d'Orrore, con enorme piacere di Randall.
Sora e gli altri in seguito aiutarono gli Agenti del CDA a spegnere gli incendi causati dagli Heartless e dai Nesciens. Poi si trovarono di nuovo faccia a faccia con Randall, che per vendetta scaglia loro il suo macchinario, ora divenuto Grumo d'Orrore, ma Sora e gli altri riescono a distruggerlo. Con i piani di Randall falliti, Sulley e Mike lo esiliano nuovamente da Mostropoli, con la stessa porta che lo aveva esiliato la prima volta, ma Sora usa il suo Keyblade per chiudere per sempre la porta di Randall e in modo da impedirgli di tornare.
Con il loro nemico sconfitto, il gruppo riesce finalmente a trovare la porta di Boo, ma vengono richiamati al reparto spaventi, dove scoprono che ad attenderli c'è un membro dell'Organizzazione XIII: Vanitas. Esso rivela di essere il responsabile del ritorno di Randall a Mostropoli, in modo da sfruttarlo per i suoi fini e mandare i Nesciens a raccogliere emozioni negative da altri mondi, in modo da riparare il suo cuore dopo la frammentazione dovuta quando si scontrò con Ventus in passato,[1] ma nonostante tutto, il suo cuore era ancora incompleto, dato che il cuore di suo "fratello" giaceva dentro Sora, e solo con quello avrebbe potuto ricompletarlo. Sulley però riesce a spaventare il nemico, sfruttando l'occasione per catturarlo e gettarlo dentro una porta per Arendelle, che poi getto in altre porte (le quali conducevano a Crepuscopoli e a San Fransokyo) fino a distruggere l'ultima.[2] Una volta chiusa la faccenda, Sora, i suoi amici e i due abitanti del mondo salutano Boo che ritorna nella sua amata camera, nel suo mondo e poi Sora, Paperino e Pippo, si salutano da Sulley e Mike per ripartire per il loro viaggio.

Il giorno prima della Guerra dei Keyblade, Sora fa ritorno a Mostropoli assieme ai suoi compagni, per affrontare il Budino di Banane, riuscendo a "sconfiggerlo" soddisfando le sue richieste, ovvero sconfiggere le sue copie senza farsi mangiare dal vero Heartless.

Il giorno seguente, poco prima della battaglia contro l'Organizzazione XIII, il Lich porta il cuore di Paperino, ucciso durante uno scontro, a Mostropoli, e lo fa sprofondare nelle tenebre, ma Sora riesce a raggiungere l'Heartless e a sconfiggerlo, riportando il cuore al suo proprietario, resuscitandolo grazie al Potere del risveglio, per poi inseguire l'Heartless in fuga.
In seguito, poco prima della lotta finale contro il Maestro Xehanort, Sora, Paperino e Pippo fanno ritorno a Mostropoli per trovare dei pericolosi portali appena apparsi in vari mondi. Con l'aiuto di Mike e Sulley riescono a trovare il portale, il quale evoca la Torre Demoniaca, che il gruppo riesce ad eliminare.

Quando la lotta contro Xehanort giunse al termine, Sulley e Mike ripresero a giocare insieme a Boo, portandola ogni tanto nel loro mondo per poi riportarla a casa.

AbitantiModifica

Nota: In questo mondo gli abitanti sono solo mostri.
Vedi: Trasformazioni mostri

Residenti temporaneiModifica

HeartlessModifica

NOTA: questi Heartless si trova solo nell'orbita di Mostropoli

NesciensModifica

DivorasogniModifica

Galleria Modifica

CuriositàModifica

  • Mostropoli, sebbene sia stato annunciato ufficialmente il 10 febbario 2018 al D23 Japan 2018, la sua comparsa in Kingdom Hearts III è stata leakata il 15 dicembre 2017.
  • Mostropoli è il secondo film Pixar-Disney che appare in Kingdom Hearts III e nella serie generale di Kingdom Hearts.
  • Nella programmazione di questo mondo è coinvolta anche Tasha Sounart, produttrice Pixar che ha disegnato varie zone del mondo di Toy Story in Kingdom Hearts III.
  • Il 12 febbraio 2018, Tasha Sounart confermò che la storia di Mostropoli, come per il mondo di Toy Story, sarebbe stata inedita e ambientata dopo gli eventi del film uscito nel 2002.
  • Nomura ha dichiarato che per creare il design di Sora-Mostro, si è ispirato ad uno dei suoi gatti.
  • Inizialmente il mondo doveva apparire in Kingdom Hearts II ma poi Square Enix lo scartò in quanto, come per Toy Story, Pixar non apparteneva completamente Disney (solo nel 2006 Pixar divenne di proprietà Disney al 100%).

Note Modifica

  1. Kingdom Hearts III - Vanitas spiega come i Nesciens lo hanno ricostituito.
  2. Kingdom Hearts III - per un breve istante è possibile vedere un pezzo dell'interno delle tre porte che mostrano: un paesaggio innevato con alberi innevati (Arendelle), un pavimento illuminato da luce arancione (Crepuscopoli) e dei grattacieli di notte con le finestre illuminate (San Fransokyo).